Connettività degli Habitat

Relegare gli orsi all’Alaska è come relegare la felicità al paradiso. Non è mai possibile andarci. Aldo Leopold

Il nostro grande, ambizioso progetto è quello di permettere all’orso appenninico di rioccupare gran parte del suo territorio lungo la catena degli Appennini. Il nostro progetto di collegamento degli l’habitat è a lungo termine ed è focalizzato su quelle aree che hanno il migliore potenziale per quanto riguarda la qualità della vita e un basso rischio di mortalità. In queste aree noi lavoriamo con i Comuni e gli enti locali per incrementare la permeabilità del territorio e creare alta qualità della vita, basso rischio di mortalità e basso impedimento alla mobilità.

4

Vista del Gran Sasso dalla Maiella
Ph: Andrea Potere

Nei luoghi dove l’habitat naturale degli orsi è stato degradato dagli usi umani come il pascolo, l’espansione dei centri abitati, l’agricoltura, la costruzione di strade, l’incremento dell’habitat naturale può essere un modo per permettere alle popolazioni isolate di orsi di raggiungere le altre, di offrire un supporto naturale alla crescita e all’espansione della popolazione stessa, tenendo lontani gli orsi dalle strade e dalle aree residenziali.

Il nostro lavoro è guidato da una ricerca dell’Universita’ La Sapienza di Roma ed utilizza i modelli più avanzati di habitat,  movimento e connettività del territorio, che incorpora elementi di conoscenza della biologia degli orsi, il comportamento, i rischi di mortalità, i requisiti dell’habitat per prevedere l’appropriatezza del territorio e permette di focalizzare le priorità strategiche dell’area per i progetti di miglioramento dell’habitat e di riduzione del rischio di mortalità.

bear_ranges

Al fine di raggiungere un numero sostenibile di elementi della popolazione e contrastare il rischio di estinzione, la popolazione di orsi dovrebbe aumentare dagli attuali 40-50 esemplari a 100. Ogni orso necessita di un raggio di circa 80km quadrati, così, una popolazione di 125 orsi ha bisogno di vivere in un’area di circa 10,000 km quadrati. Gli orsi, al momento, occupano un’area di 2500km quadrati, sebbene alcuni individui siano stati avvistati in aree marginali che misurano circa 5000km quadrati.

Usando le conoscenze ottenute dalla ricerca scientifica usiamo usiamo il GIS ( Sistema di Informazione Geografica) per mappare le rotte meno pericolose attraverso il territorio; affittiamo e prendiamo in gestiore terre per ripristinare gli habitat e aiutare la frammentaria popolazione dell’Orso Marsicano ad espandersi successivamente ed in modo corretto.

Questa area marginale è la nostra prima priorità per i progetti a supporto della naturale espansione della popolazione degli orsi. Il nostro progetto si focalizza ai bordi della parte centrale dell’habitat, lavora in collaborazione con la popolazione locale ed i volontari per sviluppare soluzioni e rimuovere le barriere fisiche e psicologiche che impediscono l’espansione della piccolissima popolazione di orsi nell’Appennino.

vols bear smart

Volontari al lavoro per migliorare l’habitat dell’Orso.
Ph: Bear Smart Society

Vogliamo creare corridoi naturali sicuri, ricchi di cibo per gli orsi, per aiutare la loro popolazione ad aumentare e ad incoraggiare la stessa a preferire rotte sicure nel territorio. Queste aree daranno all’orso condizioni di habitat ideale, sufficienti fonti di cibo naturale e permetteranno il loro allontanamento dai luoghi dove entrano in conflitto con l’uomo. La creazione di un habitat ricco di cibo lontano dai paesi è un modo sostenibile per scoraggiare l’orso dall’avvicinarsi agli insediamenti umani. In molte aree dell’America, dove l’uomo vive con grandi popolazioni di orsi, durante il periodo tardo autunnale -quando gli orsi hanno bisogno di più cibo- vengono piantati alberi che producono bacche lontano dagli insediamenti umani come metodo per prevenire i conflitti con l’uomo. Gli orsi cercheranno sempre di scegliere luoghi di ricerca più sicuri, in base alle loro esigenze caloriche.

I nostri progetti di management dell’habitat lavorano con gruppi di volontari italiani ed internazionali per piantare alberi di bacche e nocciole e arbusti autoctoni, per creare aree ricche di cibo naturale. Questi progetti sono diversi, spaziano dai progetti di management dell’habitat, che incoraggiano gli orsi ad usare aree sicure del territorio lontane da case e strade, all’attraversare le strade con l’uso di sottopassaggi o scegliendo i punti con una viabilità migliore e meno veloce, fino a ridurre la mortalità attraverso la creazione di corridoi per gli orsi nelle zone dove risulterebbe difficile attraversare il territorio.

Vuoi essere un volontario con noi?

I nostri progetti di miglioramento dell’habitat sono sviluppati :

Affitti strategici del territorio

custodi_della_terraLavorando in collaborazione con i Comuni ci assumiamo la responsabilità delle aree di territorio abbandonate o non utilizzate e lavoriamo con gruppi di volontari italiani ed internazionali per migliorare la qualità dell’habitat di queste aree. Piantiamo cibo per gli orsi così come anche specie che abbiano potenziale economico per le persone; ad esempio bacche per gli orsi e erbe medicinali, cosmetiche e alimentari, che non rappresentino attrattiva per gli orsi.

Lavoriamo con la popolazione locale, in particolare con i giovani, per sviluppare micro imprese locali, sostenibili,che generino opportunità dalla terra, sia per le persone che per la natura. Lavorare con volontari internazionali e giovani è la componente chiave per uno sviluppo innovativo vincente: progetti vincenti per sconfiggere i conflitti e trarre benefici sia per l’uomo che per la natura.

Stiamo sviluppando relazioni con imprese locali, che intervengano sia offrendo opportunità ai giovani con cui lavorano, sia essendo partner di chi compra i loro prodotti. Lavorare con volontari internazionali e giovani è una componente chiave per supportare lo sviluppo delle imprese ed implementare l’innovazione vincente: soluzioni vincenti a beneficio sia dell’uomo che della natura.

Custodi della Terra

Attiviamo relazioni di collaborazione con gli imprenditori agricoli che si collegano alla nostra rete dei “Custodi della Terra”. Questi agricoltori in cambio della costruzione di un habitat favorevole e della messa in opera di attività agricole sostenibili ricevono il nostro aiuto per la commercializzazione dei loro prodotti a livello locale, regionale ed internazionale. Se sei un agricoltore interessato ad essere coinvolto o vuoi saperne di più, contattaci.

Lavorare insieme

farmers-market-3Inoltre lavoriamo in collaborazione con agenzie di tutela locali per sviluppare una partnership strategica e coordinare gli sforzi per la salvaguardia degli orsi. Attualmente la salvaguardia degli orsi attivata dalle autorità municipali si occupa solo di aree protette ed è condotta senza particolari linee guida. Non ci sono strategie di gestione dell’habitat o piani di salvaguardia per il Centro Italia basate sulla relazione habitat/popolazione. Uno dei nostri principi guida è quello di lavorare in sinergia con altre organizzazioni di conservazione, con studenti e ricercatori dell’Università di Roma, per sviluppare un piano di salvaguardia strategico per l’orso.